RU IT EN

Electronic banking

Chiamateci

8 800 2008 008

Filiali e sportelli Bancomat

Antonio Fallico: la Russia è un mercato strategico per gli imprenditori del Friuli-Venezia Giulia

20 settembre 2019, Trieste, Mosca. A Trieste oggi si è tenuto il II seminario italo-russo, il cui tema centrale era il ruolo strategico dell’Italia e della Russia nelle relazioni politiche ed economiche tra l’Europa e l’Eurasia. Un’attenzione particolare era stata rivolta ai rapporti economici, commerciali e finanziari, in primo luogo, nel settore delle innovaioni tecnologiche, infrastrutture, cantieristica e turismo.

L’evento era organizzato dall’Associazione Conoscere Eurasia, fondazione Roscongress, Forum economico internazionale di San Pietroburgo con il sostegno di Generali, Rizzani de Eccher, Banca Intesa, gruppo Intesa Sanpaolo e Centro Culturale Veritas.

Ai partecipanti si sono rivolti il Sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, l’Ambasciatore della Russia in Italia, Sergei Razov, imprenditori dei due Paesi.

Il primo semestre del 2019 ha conosciuto una in forte contrazione del fatturato dell’interscambio, sia nell'importazione che nell'esportazione, tra la Russia e il Friuli Venezia Giulia, che è diminuito del 32,8%. Tuttavia, alcuni settori hanno registrato una crescita: prodotti metallurgici, macchinari e prodotti agricoli.

“Lo stato attuale non rende giustizia alle potenzialità commerciali tra la Russia e la regione, ha detto il presidente di Banca Intesa e di Conoscere Eurasia, Antonio Fallico. Un business che fa della complementarietà dei beni e servizi un valore aggiunto su cui riavviare le relazioni commerciali. La Russia è da sempre un mercato strategico per il Friuli Venezia Giulia, ma anche testa di ponte verso la Grande Eurasia e la Cina, che possono aprire ulteriori enormi possibilità per il tessuto industriale e imprenditoriale della regione”.

Tutti i comunicati stampa

Your browser is outdated! The site will not work properly. To fix this problem, click here

×